• it

Fotografo matrimonio Abruzzo: la grande festa di Annalisa e Davide

L’Abruzzo è una regione fantastica. Dista pochi minuti da Roma in fondo, ed ogni volta che ho l’opportunità di andarci per lavoro me ne rendo sempre piu’ conto. Già a partire dall’autostrada per L’Aquila, che è una delle più scenografiche e piacevoli da percorrere.

Annalisa e Davide hanno scelto di promettersi l’eterno amore proprio li, a Tagliacozzo .

In una giornata splendida e molto calda, dopo i preparativi in casa per entrambi, la chiesa scelta è stata quella di Santa Maria del Soccorso.

La tradizione vuole che sia stata fondata da Carlo d’Angiò come ringraziamento alla Madonna per la vittoria su Corradino. Più probabilmente è stata solo restaurata dagli angioini, perchè la chiesa è di epoca più vecchia rispetto alla battaglia dei piani palentini. Molto bello il contesto paesaggestico e urbanistico, in quanto la chiesa si trova nella parte alta del centro storico di Tagliacozzo proprio sotto la montagna. La chiesa è ben conservata sia esternamente che internamente. Non è un capolavoro ma è molto bello visitarla perchè, per raggiungerla, bisogna attraversare il caratteristico centro storico.

Una cerimonia intensa, commovente per molti motivi. E poi erano presenti due mie spose contemporaneamente, e potevano essere tre addirittura. Sognavo un selfie con loro, ma sarà per la prossima volta.

I ritratti sono stati realizzati in parte a Tagliacozzo, bellissima scoperta , e a Petrella Liri, il paese di Davide.

Poi, la festa alla Taverna Aulalia ad Avezzano, una bella e grande location perfetta per loro. Un menu di terra, come da tradizione abruzzese, condito da buon vino come il Montepulciano d’Abruzzo, che adoro!

Insomma, una gran bella giornata fra amici, che ci hanno accolto come se fossimo parte della famiglia.

Insomma, anche questa esperienza come fotografo di matrimonio in Abruzzo, sarà per me da ricordare

Buona visione della loro anteprima

 

Per un contatto con me clicca pure qui, oppure commenta in fondo alla galleria!

yo!

Next Stop: Alghero, Sardegna, la mia regione, ma quella è un’altra storia

 

 

SHARE
COMMENTS

WhatsApp WhatsApp me